sabato 23 maggio 2015

23 maggio. 23 anni

La mafia non è affatto invincibile; è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine. Piuttosto, bisogna rendersi conto che si può vincere non pretendendo l'eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni”. 
Quest'uomo sorridente e coraggioso, combattente contro la mafia, è stato ucciso 23 anni fa per impedirgli di continuare quello che stava facendo.
Con lui, sono morti sua moglie Francesca Morvillo e gli agenti della sua scorta Vito Schifani, Antonio Montinaro e Rocco Dicillo.

Nessun commento:

Posta un commento